Legirel

Législation concernant les activités religieuses et l’organisation des cultes

Accueil > Legge 30 luglio 2012, n.128, Norme per la regolazione dei rapporti (...)


Legge 30 luglio 2012, n.128, Norme per la regolazione dei rapporti tra lo Stato e la Chiesa apostolica in Italia, in attuazione dell’articolo 8, terzo comma, della Costituzione

GU n.183, 7-8-2012, suppl. ord. n. 168

Articolo 1

Rapporti tra lo Stato e la Chiesa apostolica in Italia

1. I rapporti tra lo Stato e la Chiesa apostolica in Italia sono regolati dalle disposizioni della presente legge sulla base dell’allegata intesa, stipulata il 4 aprile 2007.

Articolo 2

Liberta’ religiosa

1. La Repubblica da’ atto dell’autonomia della Chiesa apostolica in Italia, liberamente organizzata secondo i propri ordinamenti e disciplinata dai propri statuti.
2. La Repubblica, richiamandosi ai diritti di liberta’ garantiti dalla Costituzione, riconosce che le nomine dei ministri di culto, l’organizzazione comunitaria e gli atti in materia disciplinare e spirituale, nell’ambito della Chiesa apostolica in Italia e delle sue comunita’ si svolgono senza alcuna ingerenza da parte dello Stato.

Articolo 3

Ministri di culto

1. La nomina e l’eventuale cessazione dei ministri di culto spetta al Consiglio nazionale della Chiesa apostolica in Italia e sono insindacabili.
2. I magistrati o altre autorita’ non possono richiedere ai ministri di culto di deporre o di dare informazioni su persone o materie di cui siano venuti a conoscenza per motivo del loro ministero.
3. Nel caso di ripristino del servizio obbligatorio di leva, i ministri di culto della Chiesa apostolica in Italia :
a) hanno facolta’ di ottenere, a loro richiesta, di essere esonerati dal servizio militare oppure assegnati al servizio civile ;
b) sono dispensati dalla chiamata alle armi nel caso in cui siano ministri di culto con cura di anime.
4. Ai fini dell’applicazione del presente articolo e degli articoli 4, 6, 7 e 13, la Chiesa apostolica in Italia rilascia apposita certificazione della qualifica di ministro di culto. Apposito elenco dei ministri di culto e’ tenuto dalla Chiesa apostolica e trasmesso alle competenti amministrazioni.

Articolo 4

Assistenza spirituale ai militari

1. I militari appartenenti alla Chiesa apostolica in Italia che lo richiedono hanno diritto di partecipare, nel rispetto delle esigenze di servizio, nei giorni e nelle ore fissate, alle attivita’ religiose ed ecclesiastiche evangeliche, che si svolgono nelle localita’ dove essi si trovano per ragioni del loro servizio militare.
2. Qualora non esistano chiese della Chiesa apostolica in Italia nel luogo ove prestano servizio, i militari membri di tali chiese possono comunque ottenere, nel rispetto delle esigenze di servizio, il permesso di frequentare la chiesa evangelica piu’ vicina, previa dichiarazione degli organi ecclesiastici competenti.
3. In caso di decesso in servizio di militari facenti parte della Chiesa apostolica in Italia, il comando militare competente adotta, d’intesa con i familiari del defunto, le misure necessarie ad assicurare che le esequie siano celebrate con la liturgia e da un ministro di culto della Chiesa apostolica in Italia.
4. Ai fini dell’assistenza spirituale e nel rispetto delle esigenze di servizio, e’ stabilito il diritto di accesso alle caserme di ministri di culto della Chiesa apostolica in Italia e di organizzare apposite riunioni, in locali predisposti in accordo con l’autorita’ militare competente.
5. Il comando militare competente mette a disposizione i locali necessari ai sensi del comma 4 e consente l’affissione di appositi avvisi.
6. I ministri di culto della Chiesa apostolica in Italia che siano militari in servizio o prestino servizio civile sono posti in condizione di poter svolgere, unitamente agli obblighi di servizio, anche il loro ministero di assistenza spirituale nei confronti dei militari che lo richiedano.

Articolo 5

Servizio militare

1. Nel caso di ripristino del servizio obbligatorio di leva, la Repubblica garantisce alla Chiesa apostolica in Italia che gli appartenenti agli organismi da essa rappresentati, soggetti all’obbligo del servizio militare, siano assegnati, su loro richiesta e nel rispetto delle disposizioni sull’obiezione di coscienza, al servizio civile.
2. I soggetti di cui al comma 1 possono richiedere, inoltre, di svolgere il servizio militare in attivita’ di protezione e di assistenza civile.

Articolo 6

Assistenza spirituale ai ricoverati

1. Nelle strutture sanitarie, socio-sanitarie e sociali l’assistenza spirituale dei ricoverati della Chiesa apostolica in Italia o di altri ricoverati che ne facciano esplicita richiesta e’ assicurata dai ministri di culto di cui all’articolo 3.
2. L’accesso dei ministri di cui al comma 1 agli istituti di cui al medesimo comma e’ libero e senza limitazione di orario.
3. Le direzioni delle strutture di cui al comma 1 sono tenute a comunicare ai ministri di culto di cui al medesimo comma le richieste di assistenza spirituale fatte dai ricoverati.

Articolo 7

Assistenza spirituale ai detenuti

1. Negli istituti penitenziari e’ assicurata l’assistenza spirituale da ministri di culto designati dalla Chiesa apostolica in Italia. A tale fine la Chiesa apostolica in Italia trasmette all’autorita’ competente l’elenco dei ministri di culto responsabili dell’assistenza spirituale negli istituti penitenziari. Tali ministri sono compresi tra coloro che possono visitare gli istituti penitenziari senza particolare autorizzazione.
2. L’assistenza spirituale e’ svolta negli istituti penitenziari, a richiesta dei detenuti o delle loro famiglie o per iniziative dei ministri di culto, in locali idonei messi a disposizione dal direttore dell’istituto penitenziario.
3. Il direttore dell’istituto penitenziario informa di ogni richiesta proveniente dai detenuti il ministro di culto responsabile competente nel territorio.

Articolo 8

Oneri per l’assistenza spirituale

1. Gli oneri finanziari per lo svolgimento dell’assistenza spirituale, di cui agli articoli 4, 6 e 7, sono a carico esclusivo degli organi competenti della Chiesa apostolica in Italia.

Articolo 9

Insegnamento religioso nelle scuole

1. La Repubblica, nel garantire la liberta’ di coscienza di tutti, riconosce agli alunni delle scuole pubbliche, di ogni ordine e grado, il diritto di non avvalersi di insegnamenti religiosi. Tale diritto e’ esercitato, ai sensi delle leggi dello Stato, dagli alunni o da coloro cui compete la potesta’ su di essi.
2. Per dare reale efficacia all’attuazione del diritto di cui al comma 1, l’ordinamento scolastico provvede a che l’insegnamento religioso non abbia luogo secondo orari che abbiano per gli alunni effetti comunque discriminanti e che non siano previste forme di insegnamento religioso diffuso nello svolgimento dei programmi di altre discipline. In ogni caso, non potranno essere richiesti agli alunni, pratiche religiose o atti di culto.

Articolo 10

Richieste in ordine allo studio del fatto religioso

1. La Repubblica, nel garantire il carattere pluralistico della scuola, assicura agli incaricati dalla Chiesa apostolica in Italia, e designati dal Consiglio nazionale della Chiesa apostolica in Italia, il diritto di rispondere ad eventuali richieste provenienti dagli alunni, dalle loro famiglie e dagli organi scolastici, in ordine allo studio del fatto religioso e delle sue implicazioni.
2. L’attivita’ prevista dal comma 1 si inserisce nell’ambito delle attivita’ facoltative finalizzate all’ampliamento dell’offerta formativa determinate dalle istituzioni scolastiche nell’esercizio della loro autonomia, secondo modalita’ concordate dalla Chiesa apostolica in Italia con le medesime istituzioni.
3. Eventuali oneri finanziari derivanti dall’attuazione del presente articolo sono a carico della Chiesa apostolica in Italia.

Articolo 11

Scuole ed istituti di educazione

1. La Repubblica, in conformita’ al principio della liberta’ della scuola e dell’insegnamento e nei termini presentati dalla Costituzione, garantisce alla Chiesa apostolica in Italia il diritto di istituire liberamente scuole di ogni ordine e grado e istituti di educazione.
2. L’istituzione delle scuole di cui al comma l avviene nel rispetto della normativa vigente in materia di parita’ scolastica e di diritto allo studio e all’istruzione.

Articolo 12

Riconoscimento dei titoli di formazione teologica

1. Sono riconosciuti, secondo la normativa vigente, le lauree in teologia e i diplomi in teologia e in cultura biblica, rilasciati dalla scuola e facolta’ del Centro studi teologici della Chiesa apostolica in Italia a studenti in possesso del titolo di studio di scuola secondaria superiore.
2. I regolamenti vigenti presso il Centro di cui al comma 1 e le eventuali modificazioni sono comunicati al Ministero dell’istruzione, dell’universita’ e della ricerca.
3. Gli studenti del Centro di cui al comma 1 possono usufruire, in caso di ripristino del servizio obbligatorio di leva, degli stessi rinvii accordati agli studenti delle scuole universitarie di pari durata.
4. La gestione ed il regolamento del Centro di cui al comma 1, nonche’ la nomina del personale insegnante, spettano agli organi competenti della Chiesa apostolica in Italia e a loro carico rimangono i relativi oneri finanziari.

Articolo 13

Matrimonio

1. La Repubblica, riconosce gli effetti civili ai matrimoni celebrati di fronte ai ministri di culto della Chiesa apostolica in Italia, aventi la cittadinanza italiana, a condizione che l’atto sia trascritto nei registri dello stato civile, previe pubblicazioni alla casa comunale.
2. Coloro che intendono celebrare il matrimonio ai sensi del comma 1, devono comunicare tale intenzione all’ufficiale dello stato civile, al quale richiedono le pubblicazioni.
3. L’ufficiale dello stato civile, dopo aver proceduto alle pubblicazioni richieste dai nubendi, e dopo aver accertato che nulla si oppone alla celebrazione del matrimonio secondo le vigenti norme di legge, ne da’ attestazione in un nulla osta che rilascia ai nubendi in duplice originale. Il nulla osta, oltre a precisare che la celebrazione nuziale seguira’ secondo la previsione del comma 1 e nel comune indicato dai nubendi, deve attestare che ad essi sono stati spiegati, dal predetto ufficiale, i diritti e i doveri dei coniugi, dando ad essi lettura degli articoli del codice civile al riguardo.
4. Il ministro di culto davanti al quale ha luogo la celebrazione nuziale allega il nulla osta rilasciato dall’ufficiale dello stato civile all’atto del matrimonio, che egli redige in duplice originale subito dopo la celebrazione. I coniugi possono rendere le dichiarazioni che la legge consente siano espresse nell’atto di matrimonio.
5. La trasmissione di un originale dell’atto di matrimonio per la trascrizione e’ fatta dal ministro di culto, davanti al quale e’ avvenuta la celebrazione, all’ufficiale dello stato civile del comune del luogo, non oltre i cinque giorni dalla celebrazione.
6. L’ufficiale dello stato civile, constatata la regolarita’ dell’atto e l’autenticita’ del nulla osta allegato, effettua la trascrizione entro le ventiquattro ore dal ricevimento dell’atto e ne da’ notizia al ministro di culto.
7. Il matrimonio ha effetti civili dal momento della celebrazione anche se l’ufficiale dello stato civile, che ha ricevuto l’atto, abbia omesso di effettuare la trascrizione nel termine prescritto.

Articolo 14

Tutela degli edifici di culto

1. Gli edifici aperti al culto pubblico della Chiesa apostolica in Italia non possono essere occupati, requisiti, espropriati o demoliti, se non per gravi ragioni, e previo accordo col Consiglio nazionale della Chiesa apostolica in Italia.
2. Salvi i casi di urgente necessita’, la forza pubblica non puo’ entrare, per l’esercizio delle sue funzioni, negli edifici di cui al comma 1 senza aver preso accordi con i ministri delle singole chiese.
3. Agli edifici di culto e alle rispettive pertinenze si applicano le norme vigenti in materia di esenzioni, agevolazioni tributarie, contributi e concessioni.

Articolo 15

Riconoscimento di enti della Chiesa apostolica in Italia

1. Ferma restando la personalita’ giuridica dell’ente patrimoniale della Chiesa apostolica in Italia, denominato : « Fondazione Apostolica », riconosciuta con decreto del Presidente della Repubblica 21 febbraio 1989, possono essere riconosciute come persone giuridiche agli effetti civili con decreto del Ministro dell’interno altri enti costituiti nell’ambito della Chiesa apostolica in Italia, aventi sede in Italia, i quali abbiano fine di religione o di culto, solo o congiunto con quelli di istruzione, assistenza e beneficenza.
2. Il riconoscimento della personalita’ giuridica ad un ente della Chiesa apostolica in Italia e’ concesso su domanda di chi rappresenta l’ente secondo gli statuti e previa delibera motivata dal Consiglio nazionale della Chiesa apostolica in Italia. Alla domanda deve altresi’ essere allegato lo statuto dell’ente stesso.
3. Sulla base della documentazione ad essi fornita, i competenti organi statali verificano la rispondenza dell’ente di cui e’ richiesto il riconoscimento della personalita’ giuridica al carattere confessionale ed ai fini di cui al comma 1.
4. L’ente non puo’ essere riconosciuto se non e’ rappresentato giuridicamente e di fatto da un cittadino italiano avente domicilio in Italia.
5. Gli enti della Chiesa apostolica in Italia che hanno la personalita’ giuridica nell’ordinamento dello Stato assumono la qualifica di enti della Chiesa apostolica in Italia, civilmente riconosciuti.

Articolo 16

Attivita’ di religione o di culto e diverse

1. Agli effetti delle leggi civili si considerano comunque :
a) attivita’ di religione o di culto, quelle dirette all’esercizio del culto e alla cura pastorale, alla formazione dei ministri di culto, a scopi missionari e di evangelizzazione, all’educazione cristiana ;
b) attivita’ diverse da quelle di religione o di culto, quelle di assistenza, beneficenza, istruzione, educazione e cultura e, in ogni caso, le attivita’ commerciali o a scopo di lucro.

Articolo 17

Regime tributario degli enti della confessione

1. Agli effetti tributari gli enti della Chiesa apostolica in Italia, civilmente riconosciuti aventi fine di religione o di culto, come pure le attivita’ dirette a tali scopi, sono equiparati a quelli aventi fine di beneficenza o di istruzione.
2. Gli enti della Chiesa apostolica in Italia civilmente riconosciuti possono svolgere attivita’ diverse da quelle di religione o di culto.
3. Le attivita’ diverse da quelle di religione o di culto, eventualmente svolte dagli enti di cui ai commi 1 e 2, sono soggette, nel rispetto dell’autonomia e delle finalita’ degli enti stessi, alle leggi dello Stato concernenti tali attivita’ e al regime tributario previsto per le medesime.

Articolo 18

Gestione degli enti della confessione

1. La gestione ordinaria e gli atti di straordinaria amministrazione degli enti della Chiesa apostolica in Italia, civilmente riconosciuti, si svolgono sotto il controllo del Consiglio nazionale senza ingerenza da parte dello Stato, delle regioni e degli altri enti territoriali.

Articolo 19

Iscrizione nel registro delle persone giuridiche

1. L’ente patrimoniale della Chiesa apostolica in Italia denominato « Fondazione Apostolica » deve iscriversi nel registro delle persone giuridiche entro due anni dalla data di entrata in vigore della presente legge. Decorso tale termine, l’ente puo’ concludere negozi giuridici solo previa iscrizione nel registro delle persone giuridiche.
2. Gli enti della Chiesa apostolica in Italia, civilmente riconosciuti, devono iscriversi nel registro delle persone giuridiche.
3. Nel registro delle persone giuridiche, oltre alle indicazioni prescritte dalle norme vigenti in materia, devono risultare le norme di funzionamento ed i poteri degli organi di rappresentanza dell’ente.

Articolo 20

Mutamenti degli enti della confessione

1. Ogni mutamento sostanziale nel fine, nella destinazione del patrimonio e nel modo di esistenza di un ente della Chiesa apostolica in Italia civilmente riconosciuto acquista efficacia civile mediante riconoscimento con decreto del Ministro dell’interno.
2. In caso di mutamento che faccia perdere all’ente uno dei requisiti prescritti per il suo riconoscimento, il riconoscimento stesso e’ revocato con decreto del Ministro dell’interno, sentito il Consiglio nazionale della Chiesa apostolica in Italia.
3. La notifica dell’avvenuta revoca della costituzione di un ente da parte del competente organo della Chiesa apostolica in Italia determina la cessazione, con provvedimento statale, della personalita’ giuridica dell’ente stesso.
4. La devoluzione dei beni dell’ente soppresso o estinto avviene secondo quanto prevede il provvedimento del Consiglio nazionale della Chiesa apostolica in Italia, salvi comunque la volonta’ dei disponenti, i diritti dei terzi e le disposizioni statutarie e osservate, in caso di trasferimento ad altro ente, le leggi civili relative agli acquisti delle persone giuridiche.

Articolo 21

Pubblicazioni

1. Le affissioni e la distribuzione di pubblicazioni e stampati, relativi alla vita religiosa e alla missione della Chiesa apostolica in Italia, effettuate all’interno e all’ingresso dei luoghi di culto e delle loro pertinenze, nonche’ la raccolta di offerte nei predetti luoghi, sono effettuate senza autorizzazione, ne’ altra ingerenza da parte degli organi dello Stato e sono esenti da qualunque tributo.
2. E’ riconosciuta agli incaricati dalla Chiesa apostolica in Italia la liberta’ di distribuzione gratuita in luoghi pubblici, di Bibbie ed altro materiale di carattere religioso, senza specifica autorizzazione o il pagamento di alcun tributo locale.

Articolo 22

Colportori

1. E’ assicurata ai colportori della Chiesa apostolica in Italia la liberta’ di diffondere il Messaggio dell’Evangelo, attraverso la vendita di pubblicazioni di ispirazione religiosa.
2. I colportori che sono in possesso dei requisiti di legge hanno il diritto di essere iscritti negli elenchi comunali dei venditori ambulanti, anche in soprannumero rispetto ai limiti fissati dal comune.

Articolo 23

Emittenti radiotelevisive

1. Tenuto conto che l’ordinamento radiotelevisivo si informa ai principi di liberta’, di manifestazione del pensiero e di pluralismo, garantiti dalla Costituzione, nel quadro della pianificazione delle radiofrequenze si tiene conto delle richieste presentate dalle emittenti, gestite dalle comunita’ associate alla Chiesa apostolica in Italia, operanti in ambito locale relative alla disponibilita’ di bacini di utenza, idonei a favorire l’economicita’ della gestione e una adeguata pluralita’ di emittenti, in conformita’ alla disciplina del settore.

Articolo 24

Contributi e deduzione agli effetti IRPEF

1. La Repubblica prende atto che la Chiesa apostolica in Italia si sostiene finanziariamente mediante decime, offerte e contributi volontari dei suoi fedeli e simpatizzanti.
2. A decorrere dal periodo d’imposta in corso alla data di entrata in vigore della presente legge, le persone fisiche possono dedurre dal proprio reddito complessivo, agli effetti dell’imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF), le erogazioni liberali in denaro fino all’importo di euro 1.032,91 a favore della Chiesa apostolica in Italia, nonche’ degli enti ed opere da essa controllati, per i fini di culto, istruzione, assistenza e beneficenza.
3. Le modalita’ per la deduzione di cui al comma 2 sono determinate con decreto del Ministro dell’economia e delle finanze, previo accordo con la Chiesa apostolica in Italia.

Articolo 25

Ripartizione della quota dell’otto per mille del gettito IRPEF

1. A decorrere dal periodo d’imposta in corso alla data di entrata in vigore della presente legge, la Chiesa apostolica in Italia concorre con i soggetti e secondo le modalita’ previste dalla normativa vigente alla ripartizione della quota, pari all’otto per mille dell’IRPEF destinando le somme devolute a tale titolo dallo Stato a interventi sociali culturali ed umanitari, anche a favore di altri Paesi esteri.
2. L’attribuzione delle somme di cui al comma 1 e’ effettuata sulla base delle scelte espresse dai contribuenti, in sede di dichiarazione annuale dei redditi.
3. In caso di scelte non espresse da parte dei contribuenti, la Chiesa apostolica in Italia dichiara di rinunciare alla quota relativa a tali scelte. Gli importi relativi rimangono di esclusiva pertinenza dello Stato.
4. A decorrere dal terzo anno successivo a quello di cui al comma 1, lo Stato corrisponde annualmente alla Chiesa apostolica in Italia, entro il mese di giugno, le somme di cui al comma 1, determinate ai sensi dell’articolo 45, comma 7, della legge 23 dicembre 1998, n. 448, sulla base delle dichiarazioni annuali relative al terzo periodo d’imposta precedente, con destinazione alla Chiesa apostolica in Italia.

Articolo 26

Commissione paritetica

1. Su richiesta di una delle due parti, al fine di predisporre eventuali modifiche, si potra’ procedere alla revisione dell’importo deducibile di cui all’articolo 24 e dell’aliquota IRPEF di cui all’articolo 25, ad opera di un’apposita commissione paritetica nominata dall’autorita’ governativa e dalla Chiesa apostolica in Italia.

Articolo 27

Assegni corrisposti ai ministri di culto

1. Gli assegni corrisposti dalla Chiesa apostolica in Italia, per il sostentamento totale o parziale dei propri ministri di culto, sono equiparati, ai soli fini fiscali, al reddito da lavoro dipendente.
2. La Chiesa apostolica in Italia provvede ad operare, su tali assegni, le ritenute fiscali secondo le disposizioni tributarie in materia, nonche’ al versamento dei contributi assistenziali e previdenziali previsti dalle vigenti leggi.

Articolo 28

Rendiconto della utilizzazione delle somme percepite

1. La Chiesa apostolica in Italia trasmette, annualmente, entro il mese di maggio dell’anno successivo a quello di esercizio, al Ministero dell’interno un rendiconto relativo alla effettiva utilizzazione delle somme di cui agli articoli 24 e 25 e ne diffonde adeguata informazione.
2. Tale rendiconto deve, comunque, precisare :
a) il numero dei ministri di culto a cui e’ stata assicurata l’intera remunerazione e di quelli ai quali e’ stata assicurata una integrazione ;
b) l’ammontare complessivo delle somme di cui all’articolo 24, destinato al sostentamento dei ministri di culto, nonche’ l’ammontare delle ritenute fiscali operate su tali somme ;
c) gli interventi operati per le altre finalita’ previste all’articolo 25.
3. Il Ministro dell’interno, entro trenta giorni dal ricevimento del rendiconto, ne trasmette copia, con propria relazione, al Ministro dell’economia e delle finanze.

Articolo 29

Tutela dei beni culturali

1. La Repubblica e la Chiesa apostolica in Italia si impegnano a collaborare per la tutela e la valorizzazione dei beni afferenti al patrimonio storico e culturale della Chiesa apostolica in Italia.

Articolo 30

Norme di attuazione

1. Le Autorita’ competenti, nell’adottare le norme di attuazione della presente legge, terranno conto delle esigenze fatte loro presenti dalla Chiesa apostolica in Italia e avvieranno, se richieste, opportune consultazioni.

Articolo 31

Cessazione di efficacia della normativa sui culti ammessi e delle norme contrastanti

1. A decorrere dalla data di entrata in vigore della presente legge, le disposizioni della legge 24 giugno 1929, n.1159, e del regio decreto 28 febbraio 1930, n. 289, cessano di avere efficacia ed applicabilita’ nei riguardi della Chiesa apostolica in Italia, delle chiese che la costituiscono, degli istituti ed opere che ne fanno parte e delle persone che la compongono.
2. Ogni norma contrastante con la presente legge cessa di avere efficacia nei confronti dei soggetti di cui al comma 1 dalla data di entrata in vigore della presente legge.

Articolo 32

Ulteriori intese

1. Le parti sottopongono a nuovo esame il contenuto dell’allegata intesa, al termine del decimo anno, dalla data di entrata in vigore della presente legge.
2. Ove, prima del termine di cui al comma 1 una delle due parti ravvisasse l’opportunita’ di modifiche al testo dell’allegata intesa, le parti tornano a convocarsi a tale fine. Alle modifiche si procede con la stipulazione di una nuova intesa e con la conseguente presentazione al Parlamento di apposito disegno di legge di approvazione, ai sensi dell’articolo 8 della Costituzione.
3. In occasione della presentazione di disegni di legge relativi a materie che coinvolgono rapporti della Chiesa apostolica in Italia con lo Stato, sono promosse, previamente, in conformita’ all’articolo 8 della Costituzione, le intese del caso.

Articolo 33

Copertura finanziaria

1. Agli oneri derivanti dalla presente legge, valutati in euro 10.000 per l’anno 2013 e in euro 4.000 annui a decorrere dall’anno 2014, si provvede mediante corrispondente riduzione dell’autorizzazione di spesa relativa al fondo per interventi strutturali di politica economica di cui all’articolo 10, comma 5, del decreto-legge 29 novembre 2004, n. 282, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 dicembre 2004, n. 307.
2. Ai sensi dell’articolo 17, comma 12, della legge 31 dicembre 2009, n. 196, l’Agenzia delle entrate provvede al monitoraggio degli oneri di cui al comma 1 del presente articolo e riferisce in merito al Ministro dell’economia e delle finanze. Nel caso in cui si verifichino o siano in procinto di verificarsi scostamenti rispetto alle previsioni di cui al medesimo comma 1, fatta salva l’adozione dei provvedimenti di cui all’articolo 11, comma 3, lettera l), della citata legge n. 196 del 2009, il Ministro dell’economia e delle finanze provvede, con proprio decreto, alla riduzione, nella misura necessaria alla copertura finanziaria del maggior onere risultante dall’attivita’ di monitoraggio, delle dotazioni finanziarie di parte corrente iscritte, nell’ambito delle spese rimodulabili di cui all’articolo 21, comma 5, lettera b), della medesima legge n. 196 del 2009, nel programma « Regolazione giurisdizione e coordinamento del sistema della fiscalita’ » della Missione « Politiche economico-finanziarie e di bilancio » dello stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze. Il Ministro dell’economia e delle finanze riferisce senza ritardo alle Camere con apposita relazione in merito alle cause degli scostamenti e all’adozione delle misure di cui al secondo periodo.
3. Il Ministro dell’economia e delle finanze e’ autorizzato ad apportare, con propri decreti, le occorrenti variazioni di bilancio.
La presente legge, munita del sigillo dello Stato, sara’ inserita nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica italiana. E’ fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge dello Stato.

Allegato

Intesa tra la Repubblica italiana e la Chiesa Apostolica in Italia

Preambolo
La Repubblica italiana e la Chiesa Apostolica in Italia, richiamandosi ai principi di liberta’ religiosa, sanciti dalla Costituzione e ai diritti di liberta’ di coscienza e di religione garantiti, dalla Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, dalla Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle liberta’ fondamentali, ratificata con legge 4 agosto 1955, n. 848, e successive integrazioni e modifiche, e dai Patti internazionali, relativi ai diritti economici, sociali e culturali, e ai diritti civili e politici del 1966, ratificati con legge 25 ottobre 1977, n. 881 ;

Considerato
che in forza dell’articolo 8, commi secondo e terzo, della Costituzione, le confessioni religiose hanno diritto di organizzarsi secondo i propri statuti, in quanto non contrastino con l’ordinamento giuridico italiano, e che i loro rapporti con lo Stato sono regolati per legge, sulla base di intesa, con le relative rappresentanze ;
ritenuto che la legislazione sui culti ammessi del 1929 e 1930 non sia idonea a regolare i reciproci rapporti ;
riconosciuta l’opportunita’ di addivenire a tale intesa ;

Convengono
che la legge di approvazione, ai sensi dell’articolo 8 della Costituzione, della presente intesa, sostituisce ad ogni effetto, nei confronti delle chiese rappresentate dalla Chiesa Apostolica in Italia, la citata legislazione sui culti ammessi.
Nell’addivenire alla presente intesa, la Repubblica italiana prende atto che :
la Chiesa Apostolica in Italia, convinta che la fede non necessita di tutela penale diretta, riafferma il principio che la tutela penale in materia religiosa deve essere attuata solamente attraverso la protezione dell’esercizio dei diritti di liberta’, riconosciuti e garantiti dalla Costituzione, e non mediante la tutela specifica del sentimento religioso ;
la Chiesa Apostolica in Italia, nella convinzione che l’educazione e la formazione religiosa dei fanciulli e della gioventu’ sono di specifica competenza delle famiglie e delle chiese, non richiede di svolgere nelle scuole gestite dallo Stato o da altri enti pubblici, per quanti fanno parte delle chiese ad essa associate, l’insegnamento di catechesi o di dottrine religiose o pratiche di culto.

Art.1 (Liberta’ religiosa)
1. La Repubblica italiana da’ atto dell’autonomia della Chiesa Apostolica in Italia, liberamente organizzata secondo i propri ordinamenti e disciplinata dai propri statuti.
2. La Repubblica italiana, richiamandosi ai diritti di liberta’ garantiti dalla Costituzione, riconosce che le nomine dei ministri di culto, l’organizzazione comunitaria e gli atti in materia disciplinare e spirituale, nell’ambito della Chiesa Apostolica in Italia e delle sue comunita’, si svolgono senza alcuna ingerenza da parte dello Stato.

Art.2 (Ministri di culto)
1. La nomina e l’eventuale cessazione dei ministri di culto spetta al Consiglio Nazionale della Chiesa Apostolica in Italia, e sono insindacabili.
2. I Magistrati o altre Autorita’ non potranno richiedere ai ministri di culto di deporre o di dare informazioni su persone o materie di cui siano venuti a conoscenza per motivo del loro ministero.
3. Nel caso di ripristino del servizio obbligatorio di leva, i ministri di culto della Chiesa Apostolica in Italia :
a) hanno facolta’ di ottenere, a loro richiesta, di essere esonerati dal servizio militare oppure assegnati al servizio civile ;
b) sono dispensati dalla chiamata alle armi nel caso in cui siano ministri di culto con cura di anime.
4. Ai fini dell’applicazione del presente articolo e degli articoli 3, 5, 6 e 12 la Chiesa Apostolica in Italia rilascia apposita certificazione della qualifica di ministro di culto. Apposito elenco dei ministri di culto e’ tenuto dalla Chiesa Apostolica e trasmesso alle competenti amministrazioni.

Art.3 (Assistenza spirituale ai militari)
1. I militari appartenenti alla Chiesa Apostolica in Italia che lo richiedono hanno diritto di partecipare, nel rispetto delle esigenze di servizio, nei giorni e nelle ore fissate, alle attivita’ religiose ed ecclesiastiche evangeliche, che si svolgono nelle localita’ dove essi si trovano per ragioni del loro servizio militare.
2. Qualora non esistano chiese della Chiesa Apostolica in Italia nel luogo ove prestano servizio, i militari membri di tali chiese, potranno comunque ottenere, nel rispetto delle esigenze di servizio, il permesso di frequentare la chiesa evangelica piu’ vicina, previa dichiarazione degli organi ecclesiastici competenti.
3. In caso di decesso in servizio di militari facenti parte della Chiesa Apostolica in Italia, il comando militare competente adotta, d’intesa con i familiari del defunto, le misure necessarie ad assicurare che le esequie siano celebrate con la liturgia e da un ministro di culto della Chiesa Apostolica in Italia.
4. Ai fini dell’assistenza spirituale e nel rispetto delle esigenze di servizio, e’ stabilito il diritto di accesso alle caserme di ministri di culto della Chiesa Apostolica in Italia e di organizzare apposite riunioni, in locali predisposti in accordo con l’autorita’ militare competente.
5. Il comando militare competente mette a disposizione i locali necessari e consente l’affissione di appositi avvisi.
6. I ministri di culto della Chiesa Apostolica in Italia che siano militari in servizio o prestino servizio civile sono posti in condizione di poter svolgere, unitamente agli obblighi di servizio, anche il loro ministero di assistenza spirituale nei confronti dei militari che lo richiedano.

Art.4 (Servizio militare)
1. Nel caso di ripristino del servizio obbligatorio di leva, la Repubblica italiana garantisce alla Chiesa Apostolica che gli appartenenti agli organismi da essa rappresentati, soggetti all’obbligo del servizio militare, siano assegnati, su loro richiesta e neI rispetto delle disposizioni sull’obiezione di coscienza, al servizio civile.
2. Possono richiedere, inoltre, di svolgere il servizio militare in attivita’ di protezione e di assistenza civile.

Art.5 (Assistenza spirituale ai ricoverati)
1. Nelle strutture sanitarie, socio-sanitarie e sociali (istituti ospedalieri, case di cura o di riposo) l’assistenza spirituale dei ricoverati della Chiesa Apostolica in Italia o di altri ricoverati che ne facciano esplicita richiesta, e’ assicurata dai ministri di culto di cui all’articolo 2.
2. L’accesso di tali ministri ai predetti istituti e’ a tal fine libero e senza limitazione di orario.
3. Le direzioni di tali istituti e case, sono tenute a comunicare ai suddetti ministri di culto le richieste di assistenza spirituale fatte dai ricoverati.

Art.6 (Assistenza spirituale ai detenuti)
1. Negli istituti penitenziari e’ assicurata l’assistenza spirituale da ministri di culto designati dalla Chiesa Apostolica in Italia. A tal fine la Chiesa Apostolica in Italia trasmette all’autorita’ competente l’elenco dei ministri di culto responsabili dell’assistenza spirituale negli istituti penitenziari. Tali ministri sono compresi tra coloro che possono visitare gli istituti penitenziari senza particolare autorizzazione.
2. L’assistenza spirituale e’ svolta nei suddetti istituti, a richiesta dei detenuti, o delle loro famiglie, o per iniziative dei ministri di culto, in locali idonei messi a disposizione dal direttore dell’istituto penitenziario.
3. Il direttore dell’istituto informa di ogni richiesta proveniente dai detenuti il ministro di culto responsabile competente nel territorio.

Art.7 (Oneri per l’assistenza spirituale)
1. Gli oneri finanziari per lo svolgimento dell’assistenza spirituale, di cui agli articoli 3, 5 e 6, sono a carico esclusivo degli organi competenti della Chiesa Apostolica in Italia.

Art.8 (Insegnamento religioso nelle scuole)
1. La Repubblica italiana, nel garantire la liberta’ di coscienza di tutti, riconosce agli alunni delle scuole pubbliche, di ogni ordine e grado, il diritto di non avvalersi di insegnamenti religiosi. Tale diritto e’ esercitato, ai sensi delle leggi dello Stato, dagli alunni o da coloro cui compete la potesta’ su di essi.
2. Per dare reale efficacia all’attuazione di tale diritto, l’ordinamento scolastico provvede a che l’insegnamento religioso non abbia luogo secondo orari che abbiano per gli alunni effetti comunque discriminanti e che non siano previste forme di insegnamento religioso diffuso nello svolgimento dei programmi di altre discipline. In ogni caso, non potranno essere richiesti agli alunni, pratiche religiose o atti di culto.

Art.9 (Richieste in ordite allo studio del fatto religioso)
1. La Repubblica italiana, nel garantire il carattere pluralistico della scuola, assicura agli incaricati dalla Chiesa Apostolica in Italia, e designati dal Consiglio Nazionale della Chiesa Apostolica in Italia, il diritto di rispondere ad eventuali richieste provenienti dagli alunni, dalle loro famiglie e dagli organi scolastici, in ordine allo studio del fatto religioso e delle sue implicazioni.
2. Tale attivita’ si inserisce nell’ambito delle attivita’ facoltative finalizzate all’ampliamento dell’offerta formativa determinate dalle istituzioni scolastiche nell’esercizio della loro autonomia, secondo modalita’ concordate dalla Chiesa Apostolica in Italia con le medesime istituzioni.
3. Eventuali oneri finanziari sono a carico della Chiesa Apostolica in Italia.

Art.10 (Scuole ed istituti di educazione)
1. La Repubblica italiana, in conformita’ al principio della liberta’ della scuola e dell’insegnamento, e nei termini presentati dalla Costituzione, garantisce alla Chiesa Apostolica in Italia il diritto di istituire liberamente scuole di ogni ordine e grado e istituti di educazione.
2. L’istituzione delle suddette scuole deve avvenire nel rispetto della normativa vigente in materia di parita’ scolastica e di diritto allo studio e all’istruzione.

Art.11 (Riconoscimento dei titoli di formazione teologica)
1. Sono riconosciuti, secondo la normativa vigente, le lauree in teologia e i diplomi in teologia e in cultura biblica, rilasciati dalla scuola e facolta’ del Centro Studi Teologici della Chiesa Apostolica in Italia a studenti in possesso del titolo di studio di scuola secondaria superiore.
2. I regolamenti vigenti e le eventuali modificazioni sono comunicati al Ministero dell’universita’ e della ricerca.
3. Gli studenti del predetto istituto possono usufruire, in caso di ripristino del servizio obbligatorio di leva, degli stessi rinvii accordati agli studenti delle scuole universitarie di pari durata.
4. La gestione ed il regolamento della scuola, nonche’ la nomina del personale insegnante, spettano agli organi competenti della Chiesa Apostolica in Italia, ed a loro carico rimangono i relativi oneri finanziari.

Art.12 (Matrimonio)
1. La Repubblica italiana, riconosce gli effetti civili ai matrimoni celebrati di fronte ai ministri di culto della Chiesa Apostolica in Italia, aventi la cittadinanza italiana, a condizione che l’atto sia trascritto nei registri dello stato civile, previe pubblicazioni alla casa comunale.
2. Coloro che intendono celebrare il matrimonio, ai sensi del comma precedente, debbono comunicare tale intenzione all’ufficiale dello stato civile, al quale richiedono le pubblicazioni.
3. L’ufficiale dello stato civile, dopo aver proceduto alle pubblicazioni richieste dai nubendi, e dopo aver accertato che nulla si oppone alla celebrazione del matrimonio secondo le vigenti norme di legge, ne da’ attestazione in un nulla osta che rilascia ai nubendi in duplice originale. Il nulla osta, oltre a precisare che la celebrazione nuziale seguira’ secondo la previsione del primo comma e nel Comune suindicato dai nubendi, deve attestare che ad essi sono stati spiegati, dal predetto ufficiale, i diritti e i doveri dei coniugi, dando ad essi lettura degli articoli del codice civile al riguardo.
4. Il ministro di culto davanti al quale ha luogo la celebrazione nuziale, allega il nulla osta rilasciato dall’ufficiale dello stato civile all’atto del matrimonio, che egli redige in duplice originale subito dopo la celebrazione. I coniugi possono rendere le dichiarazioni che la legge consente siano espresse nell’atto di matrimonio.
5. La trasmissione di un originale dell’atto di matrimonio per la trascrizione e’ fatta dal ministro di culto, davanti al quale e’ avvenuta la celebrazione, all’ufficiale dello stato civile del Comune del luogo, non oltre i cinque giorni dalla celebrazione.
6. L’ufficiale dello stato civile, constatata la regolarita’ dell’atto e l’autenticita’ del nulla osta allegatovi, effettua la trascrizione entro le ventiquattro ore dal ricevimento dell’atto e ne da’ notizia al ministro di culto.
7. Il matrimonio ha effetti civili dal momento della celebrazione anche se l’ufficiale dello stato civile, che ha ricevuto l’atto, abbia omesso di effettuare la trascrizione nel termine prescritto.

Art.13 (Tutela degli edifici di culto)
1. Gli edifici aperti al culto pubblico della Chiesa Apostolica in Italia, non possono essere occupati, requisiti, espropriati o demoliti, se non per gravi ragioni, e previo accordo col Consiglio Nazionale della Chiesa Apostolica in Italia.
2. Salvi i casi di urgente necessita’, la forza pubblica non puo’ entrare, per l’esercizio delle sue funzioni, in tali edifici senza aver preso accordi con i ministri delle singole chiese.
3. Agli edifici di culto ed alle rispettive pertinenze si applicano le norme vigenti in materia di esenzioni, agevolazioni tributarie, contributi e concessioni.

Art.14 (Riconoscimento di enti della Chiesa Apostolica in Italia)
1. Ferma restando la personalita’ giuridica dell’ente patrimoniale della Chiesa Apostolica in Italia, denominato « Fondazione Apostolica », riconosciuta con decreto del Presidente della Repubblica 21 febbraio 1989, possono essere riconosciute come persone giuridiche agli effetti civili con decreto del Ministro dell’interno, altri enti costituiti nell’ambito della Chiesa Apostolica in Italia, aventi sede in Italia, quali abbiano fine di religione o di culto, solo o congiunto con quelli di istruzione, assistenza e beneficenza.
2. Il riconoscimento della personalita’ giuridica ad un ente della Chiesa Apostolica in Italia e’ concesso su domanda di chi rappresenta l’ente secondo gli statuti e previa delibera motivata dal Consiglio Nazionale della Chiesa Apostolica in Italia. Alla domanda deve altresi’ essere allegato lo statuto dell’ente stesso.
3. Sulla base della documentazione ad essi fornita, i competenti organi statali verificano la rispondenza dell’ente di cui e’ richiesto il riconoscimento della personalita’ giuridica, al carattere confessionale ed ai fini di cui al comma 1.
4. L’ente non puo’ essere riconosciuto se non e’ rappresentato giuridicamente e di fatto da un cittadino italiano avente domicilio in Italia.
5. Gli enti della Chiesa Apostolica in Italia che hanno la personalita’ giuridica nell’ordinamento dello Stato, assumono la qualifica di enti della Chiesa Apostolica in Italia, civilmente riconosciuti.

Art.15 (Attivita’ di religione o di culto e diverse)
1. Agli effetti delle leggi civili si considerano comunque :
a) attivita’ di religione o di culto, quelle dirette all’esercizio del culto e alla cura pastorale, alla formazione dei ministri di culto, a scopi missionari e di evangelizzazione, all’educazione cristiana ;
b) attivita’ diverse da quelle di religione o di culto, quelle di assistenza, beneficenza, istruzione, educazione e cultura e, in ogni caso, le attivita’ commerciali o a scopo di lucro.

Art.16 (Regime tributario degli enti della confessione)
1. Agli effetti tributari gli enti della Chiesa Apostolica in Italia, civilmente riconosciuti aventi fine di religione o di culto, come pure le attivita’ dirette a tali scopi, sono equiparati a quelli aventi fine di beneficenza o di istruzione.
2. Gli enti della Chiesa Apostolica in Italia civilmente riconosciuti possono svolgere attivita’ diverse da quelle di religione o di culto.
3. Le attivita’ diverse da quelle di religione o di culto, eventualmente svolte da tali enti, sono soggette, nel rispetto dell’autonomia e delle finalita’ degli enti stessi, alle leggi dello Stato concernenti tali attivita’ e al regime tributario previsto per le medesime.

Art.17 (Gestione degli enti della confessione)
1. La gestione ordinaria e gli atti di straordinaria amministrazione degli enti della Chiesa Apostolica in Italia, civilmente riconosciuti, si svolgono sotto il controllo del Consiglio Nazionale senza ingerenza da parte dello Stato, delle Regioni e degli altri enti territoriali.

Art.18 (Iscrizione nel registro delle persone giuridiche)
1. L’ente patrimoniale della Chiesa Apostolica in Italia denominato « Fondazione Apostolica » deve iscriversi nel registro delle persone giuridiche entro due anni dalla data di entrata in vigore della legge di approvazione della presente intesa. Decorso tale termine l’ente puo’ concludere negozi giuridici solo previa iscrizione nel registro delle persone giuridiche.
2. Gli enti della Chiesa Apostolica in Italia, civilmente riconosciuti devono iscriversi nel registro delle persone giuridiche.
3. Nel registro delle persone giuridiche, oltre alle indicazioni prescritte dalle norme vigenti in materia, devono risultare le norme di funzionamento ed i poteri degli organi di rappresentanza dell’ente.

Art.19 (Mutamenti degli enti della confessione)
1. Ogni mutamento sostanziale nel fine, nella destinazione del patrimonio e nel modo di esistenza di un ente della Chiesa Apostolica in Italia civilmente riconosciuto, acquista efficacia civile mediante riconoscimento con decreto del Ministro dell’interno.
2. In caso di mutamento che faccia perdere all’ente uno dei requisiti prescritti per il suo riconoscimento, il riconoscimento stesso e’ revocato con decreto del Ministro dell’interno, sentito il Consiglio Nazionale della Chiesa Apostolica in Italia.
3. La notifica dell’avvenuta revoca della costituzione di un ente da parte del competente organo della Chiesa Apostolica in Italia determina la cessazione, con provvedimento statale, della personalita’ giuridica dell’ente stesso.
4. La devoluzione dei beni dell’ente soppresso o estinto avviene secondo quanto prevede il provvedimento del Consiglio Nazionale della Chiesa Apostolica in Italia, salvi comunque la volonta’ dei disponenti, i diritti dei terzi e le disposizioni statutarie e osservate, in caso di trasferimento ad altro ente, le leggi civili relative agli acquisti delle persone giuridiche.

Art.20 (Pubblicazioni)
1. Le affissioni e la distribuzione di pubblicazioni e stampati, relativi alla vita religiosa e alla missione della Chiesa Apostolica in Italia, effettuate all’interno e all’ingresso dei luoghi di culto e delle loro pertinenze, nonche’ la raccolta di offerte nei predetti luoghi, sono effettuate senza autorizzazione, ne’ altra ingerenza da parte degli organi dello Stato e sono esenti da qualunque tributo.
2. E’ riconosciuta agli incaricati dalla Chiesa Apostolica in Italia, la liberta’ di distribuzione gratuita in luoghi pubblici, di Bibbie ed altro materiale di carattere religioso, senza specifica autorizzazione o il pagamento di alcun tributo locale.

Art.21 (Colportori)
1. E’ assicurata ai colportori della Chiesa Apostolica in Italia, la liberta’ di diffondere il Messaggio dell’Evangelo, attraverso la vendita di pubblicazioni di ispirazione religiosa.
2. I colportori, che sono in possesso dei requisiti, di legge, hanno il diritto di essere iscritti negli elenchi comunali dei venditori ambulanti, anche in soprannumero rispetto ai limiti fissati dal Comune.

Art.22 (Emittenti radiotelevisive)
1. Tenuto conto che l’ordinamento radiotelevisivo, si informa ai principi di liberta’, di manifestazione del pensiero e di pluralismo, dettati dalla Costituzione, nel quadro della pianificazione delle radiofrequenze, si terra’ conto delle richieste presentate dalle emittenti, gestite dalle comunita’ associate alla Chiesa Apostolica in Italia, operanti in ambito locale relative alla disponibilita’ di bacini di utenza, idonei a favorire l’economicita’ della gestione ed una adeguata pluralita’ di emittenti, in conformita’ alla disciplina del settore.

Art.23 (Contributi e deduzione agli effetti IRPEF)
1. La Repubblica italiana prende atto che la Chiesa Apostolica in Italia si sostiene finanziariamente mediante decime, offerte e contributi volontari dei suoi fedeli e simpatizzanti.
2. A decorrere dal periodo d’imposta in corso alla data di entrata in vigore della legge di approvazione della presente intesa, le persone fisiche possono dedurre dal proprio reddito complessivo, agli effetti dell’imposta sul reddito delle persone fisiche, le erogazioni liberali in denaro fino all’importo di euro 1.032,91 a favore della Chiesa Apostolica in Italia, dagli enti ed opere da essa controllati, per i fini di culto, istruzione, assistenza e beneficenza.
3. Le relative modalita’ sono determinate con decreto del Ministro dell’economia e delle finanze, previo accordo con la Chiesa Apostolica in Italia.

Art.24 (Ripartizione della quota dell’otto per mille del gettito IRPEF)
1. A decorrere dal periodo di imposta in corso alla data di entrata in vigore della legge di approvazione della presente intesa, la Chiesa Apostolica in Italia, concorre con i soggetti e secondo le modalita’ previste dalla normativa vigente, alla ripartizione della quota, pari all’otto per mille, dell’imposta sul reddito delle persone fisiche destinando le somme devolute a tale titolo dallo Stato ad interventi sociali culturali ed umanitari, anche a favore di altri Paesi esteri.
2. L’attribuzione delle somme di cui al comma 1, viene effettuata sulla base delle scelte espresse dai contribuenti, in sede di dichiarazione annuale dei redditi.
3. In caso di scelte non espresse da parte dei contribuenti, la Chiesa Apostolica in Italia dichiara di rinunciare alla quota relativa a tali scelte. Gli importi relativi rimangono di esclusiva pertinenza dello Stato.
4. A decorrere dal terzo anno successivo a quello di cui al comma 1, lo Stato corrisponde annualmente alla Chiesa Apostolica in Italia, entro il mese di giugno, le somme di cui al comma 1, determinate ai sensi dell’articolo 45, comma 7, della legge 23 dicembre 1998, n. 448, sulla base delle dichiarazioni annuali relative al terzo periodo d’imposta precedente, con destinazione alla Chiesa Apostolica in Italia.

Art.25 (Commissione paritetica)
1. Su richiesta di una delle due parti, al fine di predisporre eventuali modifiche, si potra’ procedere alla revisione dell’importo deducibile di cui all’articolo 23 e dell’aliquota IRPEF di cui all’articolo 24, ad opera di un’apposita commissione paritetica nominata dall’autorita’ governativa e dalla Chiesa Apostolica in Italia.

Art.26 (Assegni corrisposti ai ministri di culto)
1. Gli assegni corrisposti dalla Chiesa Apostolica in Italia, per il sostentamento totale o parziale dei propri ministri di culto, sono equiparati, ai soli fini fiscali, al reddito da lavoro dipendente.
2. La Chiesa Apostolica in Italia provvede ad operare, su tali assegni, le ritenute fiscali secondo le disposizioni tributarie in materia, nonche’ al versamento dei contributi assistenziali e previdenziali previsti dalle vigenti leggi.

Art.27 (Rendiconto della utilizzazione delle somme percepite)
1. La Chiesa Apostolica in Italia, trasmette, annualmente, entro il mese di maggio dell’anno successivo a quello di esercizio, al Ministero dell’interno, un rendiconto relativo alla effettiva utilizzazione delle somme, di cui agli articoli 23 e 24, e ne diffonde adeguata informazione.
2. Tale rendiconto deve, comunque, precisare :
a) il numero dei ministri di culto a cui e’ stata assicurata l’intera remunerazione e di quelli ai quali e’ stata assicurata una integrazione ;
b) l’ammontare complessivo delle somme, di cui all’articolo 23, destinato al sostentamento dei ministri di culto, nonche’ l’ammontare delle ritenute fiscali operate su tali somme ;
c) gli interventi operati per le altre finalita’ previste all’articolo 24.
3. Il Ministro dell’interno, entro trenta giorni dal ricevimento del rendiconto ne trasmette copia, con propria relazione, al Ministro dell’economia e delle finanze.

Art.28 (Tutela dei beni culturali)
1. La Repubblica italiana e la Chiesa Apostolica in Italia si impegnano a collaborare per la tutela e la valorizzazione dei beni afferenti al patrimonio storico e culturale della Chiesa Apostolica in Italia.

Art.29 (Norme di attuazione)
1. Le autorita’ competenti, nell’emanare le norme di attuazione della legge di approvazione della presente intesa, terranno conto delle esigenze fatte loro presenti dalla Chiesa Apostolica in Italia, e avvieranno, se richieste, opportune consultazioni.

Art.30 (Cessazione di efficacia della normativa sui culti ammessi e delle norme contrastanti)
1. Con l’entrata in vigore della legge di approvazione della presente intesa, le disposizioni della legge 24 giugno 1929, n. 1159, e del regio decreto 28 febbraio 1930, n. 289, cessano di avere efficacia ed applicabilita’ nei riguardi della Chiesa Apostolica in Italia, delle chiese che la costituiscono, degli istituti ed opere che ne fanno parte e delle persone che la compongono.
2. Ogni norma contrastante con la presente intesa cessa di avere efficacia nei confronti dei soggetti di cui al comma 1, dalla data di entrata in vigore della legge di approvazione, ai sensi dell’articolo 8 della Costituzione, dell’intesa stessa.

Art.31 (Ulteriori intese)
1. Le parti sottoporranno a nuovo esame il contenuto della presente intesa al termine del decimo anno dall’entrata in vigore della legge di approvazione, ai sensi dell’articolo 8 della Costituzione, dell’intesa stessa.
2. Ove, nel frattempo, una delle due parti ravvisasse l’opportunita’ di modifiche al testo della presente intesa, le parti torneranno a convocarsi a tal fine.
3. Alle modifiche si procedera’ con la stipulazione di una nuova intesa e con la conseguente presentazione al Parlamento di apposito disegno di legge di approvazione, ai sensi dell’articolo 8 della Costituzione.
4. In occasione di disegni di legge relativi a materie che coinvolgono rapporti della Chiesa Apostolica in Italia con lo Stato, verranno promosse, previamente in conformita’ all’articolo 8 della Costituzione, le intese del caso.

Art.32 (Legge di approvazione dell’intesa)
1. Il Governo presentera’ al Parlamento apposito disegno di legge di approvazione della presente intesa, ai sensi dell’articolo 8 della Costituzione.
Roma, 4 aprile 2007

Il Presidente del Consiglio dei Ministri
On. Romano Prodi

Il Presidente della Chiesa Apostolica in Italia
Pastore Elia Landi